Ashram Joytinat - Home Ashram Joytinat - Home
 

FORMAZIONE YOGA TRADIZIONALE

Insegnamento diretto da maestro a allievo
Una crescita personale con Swami Joythimayananda

Approfondimento teorico e pratico: Un percorso "Gurukulam" da seguire a fianco del Maestro Acharya Swami Joythimayananda e dei suoi collaboratori della Scuola Joytinat.

Il maestro Swami dice ...
“Prima di trasmettere lo Yoga agli altri, padroneggia lo Yoga e te stesso con pazienza seguendone il suo lungo percorso. L’Insegnamento è un servizio, non ha un costo, ma, tradizionalmente i maestri vengono rispettati con Dakshinam (offerta devozionale) per realizzare la loro propria missione".

Il metodo Joytinat si chiama "Panchanga Yoga", cioè le "5 vie" dello Yoga, ed è insegnato nei nostri corsi e applicato nelle cure ayurvediche da noi consigliate.

SEDE:

Ashram Joytinat Yoga Ayurveda (affiliato al CSEN, CONACREIS)

Via Ripa 24, Corinaldo (AN), tel. 071.679032 – 366.7349825

contattaci

DATE:

1° incontro: 03, 04, 05, 06 Novembre 2016

2° incontro: 19, 20, 21, 22 Gennaio 2017

3° incontro: 23, 24, 25, 26 Marzo 2017

4° incontro: 08, 09, 10, 11 Giugno 2017

PROGRAMMA GENERALE DEL CORSO

  • Filosofia dello Yoga.
  • Deontologia (Yama e Niyama).
  • L’individuo, il mondo e il concetto di Dio.
  • Anatomia e fisiologia Ayurvedica e Yogica.
  • Controllo della mente e meditazione (Prathiyahara, Dharana, Dhiyana).
  • Samadi e Moksha o libertà.
  • Asana, Pranayama, Bandha, Mudra, Kriya.
  • Recitare e cantare i mantra.
  • Devozione, compassione e non violenza.
  • Storia dei devoti.
  • Ritualità, Pooja, Yaknya.
  • Autoanalisi e unione.
  • Separazione e unione.
  • Attaccamento e distacco.
  • Aspettativa e accettazione.
  • Relazione e comprensione.
  • Studio dei testi tradizionali (Yoga Sutra, Upanishad, Bagavatgita, Yoga Pradipikai, Shiva Samhita, Grandah samhita).
  • Servizio o Seva (Karma Yoga).
  • Normative fiscali, giuridiche e assicurative.
  • Igiene e uso del prodotti.
  • Alimentazione ayurvedica.
  • Psicologia yogica.
  • Approccio spirituale e cultura indiana.
  • Yoga Terapia.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

1. INTRODUZIONE ALLO YOGA

1.1. Educare alla vita 1° livello

1.2. L’esistenza (Padartha Vignan): unità e diversità

1.3. Dravya, Guna, Karma;

1.4. Le tre esistenze basilari;

1.5. Le nove esistenze di un individuo;

1.6. nascita, vita, morte, bene e male 1° livello

1.7. Lo scopo della vita

1.8. Le quattro Purushastra: ARAM, PORUL, AANANDAM E VEEDU

1.9. Preparazione nel padroneggiare il corpo, respiro, la mente e l’anima.

2. HATHA YOGA

2.1. Educare alla vita 2° livello

2.2 Filosofia, principi e pratiche del Hatha Yoga: studio e pratiche del Siva Samhitha, Grahnda Samhitha, Hatha Yoga Pradeepika, racconti dei Santi, Saggi, Maestri, Yoghi, Rishi e Profeti;

2.3. Le tre tipologia basilari del corpo: causale, sottile e strutturale;

2.4. I Panchakosha ( tipologia del corpo)

2.5. Nascita, vita, morte, bene e male 2° livello

2.6. Vita salute e malattia

2.7. Lo scopo dell’ Hatha Yoga come applicare Hatha Yoga nella vita quotidiana?

2.8. Le pratiche: Asana, Pranayama, Bhanda, Mudra e Kriya

2.9. Anatomia e fisiologia del corpo umano

2.10. La pratica dell’ Hatha Yoga e il meccanismo dell'energia, dei sistemi, degli organi, muscoli e articolazioni;

3. RAJA YOGA

3.1. Educare alla vita 3° livello

3.2. Significato della parola Dhyanam

3.3. Principi e pratiche di meditazione:

3.4. Studio e pratiche del testi antichi Patanjali Yoga Sutra e racconti dei Santi, Saggi, Maestri, Yoghi, Rishi e Profeti;

3.5. Astanga Yoga di Patanjali: Yama, Niyama, Asana, Pranayama, Prathyahara, Dharana, Dhiyana e Samadhi;

3.6. Come applicare Raja Yoga nella vita quotidiana

3.7. Diversi approcci e tecniche per praticare la meditazione

3.8. Nascita, vita, morte, bene e male 3° livello

3.9 Controllo della mente

4. BHAKTHI YOGA

4.1. Educare alla vita 4° livello

4.2. Significato della parola Bhakthi

4.3. Principi e pratiche del Bhakthi:

4.4. Studio e pratiche dei testi antichi devozionali, Thevaram,Thiruvasaham e Mantra;

4.5. Devozione, purezza, tenerezza, fiducia, fede, amore, affetto, compassione e non violenza;

4.6. Come applicare Bhakthi Yoga nella vita quotidiana;

4.7. Vari approcci e tecniche per praticare la devozione: Pooja, Yakgna;

4.8. Canto del mantra devozionale in Tamil, Sanskrito ed italiano;

4.9. Storie di Devoti Santi, Saggi, Maestri, Yoghi, Rishi e Profeti di varie tradizioni;

5. GNANA YOGA

5.1 Educare alla vita 5° livello

5.2 Autoanalisi (Atma Viciar), il distacco (Vairaghia);

5.3. Comprendere il concetto di Nithiya e Anithiya, Yoga e Maya

5.4. Studio e pratica dei testi antichi Upanishad e racconti dei maestri spirituali;

5.5. Vivere con chiarezza e leggerezza.

5.6. Nascita, vita e morte 4° livello

6. KARMA YOGA

6.1. Educare alla vita 6° livello

6.2. La vita e l’azione (Kariya), cause e effetto (Karana e Kariya)

6.3. Azioni in non azioni e non azioni in azioni o servizio non egocentrico;

6.6. Studio e pratica dei testi antichi Bagawat Gita e racconti dei maestri spirituali;

6.7. Agire senza aspettative ed attaccamento (Niskamia Karma)

6.8. Stile di vita Yogico

6.9. Nascita, vita e morte 5° livello.

DESCRIZIONE DEL CORSO

L’obiettivo del corso è la formazione di individui che seguano principi morali ed energetici per il risveglio e la sensibilizzazione verso uno stile di vita sano e buono; pratichiamo e comprendiamo con creatività interiore, con pienezza e distacco; Lavoriamo insieme nel corpo, energia, emozioni, intelletto e anima.

STRUTTURA DEL CORSO

Il tempo della formazione di Yoga è indeterminato; lezioni in aula, pratica, auto studio e possibilità di un tirocinio residenziale in Ashram per un tempo da concordare. Le giornate di corso effettive presso la scuola sono 16 e si dividono in 5 incontri per ogni anno,

OBBLIGHI DI FREQUENZA

La frequenza alle lezioni è obbligatoria e non sarà ammessa una percentuale di assenze superiore al 20% del monte ore globale.

ESAMI E TESI

Alla fine di ogni anno è previsto un esame conclusivo obbligatorio (scritto, orale e pratico) con presentazione di una tesi concordata con i docenti.

ATTESTATO FINALE

Al termine del primo, secondo, terzo, e quarto anno la Scuola Joytinat rilascia un attestato di partecipazione e solamente al 5° anno di studio la scuola rilascia un riconoscimento di qualifica.

CRESCITA E QUALIFICHE

Praticare Yoga non è una scelta, è un dovere da seguire con molta devozione.

Prima di poter insegnare, dovresti ottenere delle qualifiche di virtù e dedicare la vita allo Yoga.

Controllare le emozioni e i pensieri è fondamentale per praticare yoga.

Si deve conoscere il codice etico (Dharma) della vita e rispettare le regole; avere una buona conoscenza che riguardano: moralità, asana, pranayama e meditazione per riuscire a padroneggiare se stessi nell’Hatha yoga.

I principi dello Yoga riguardano i cinque aspetti: corpo, mente, emozioni o ego, pensieri o intelletto e la vita.

Il Centro Joytinat propone il metodo Panchanga Yoga approfondendo ogni anno vari aspetti dello yoga, imparando a praticarlo integrando i 5 principi dello yoga. Lo yoga non si limita ad insegnare delle tecniche, esso è una guida sicura ad affrontare la vita e il mondo materiale e l'aldilà. Nel nostro Ashram Joytinat si cresce insieme praticando Panchanga Yoga secondo la tradizione indiana.

Attualmente lo yoga più conosciuto e insegnato in Occidente è l’HATHA YOGA cioè quello yoga che si cura principalmente del corpo, avvalendosi di particolari posizioni corporee ed esercizi di controllo del respiro. L’hatha-yoga, sebbene in Occidente si tenda a identificarlo con lo yoga, è in verità soltanto una delle possibili vie che lo yoga, come filosofia e visione del mondo, propone all’uomo per una realizzazione superiore. Un aspetto molto importante è che le molteplici vie dello yoga non devono essere intese come strade divergenti, esse non si escludono a vicenda, ma si integrano l’una con l’altra.

Perciò quando decidiamo di dedicarci allo yoga non dovremmo seguire solo una via, bensì unire i vari percorsi per affrontare un cammino di crescita interiore più profondo, stabile e completo non indirizzato solamente a un risultato fisico, ma a una realizzazione globale di corpo, mente, anima e spirito.

La giornata del'Ashram comincia sempre con la stessa pratica di Yoga.
Così come il ripetersi del sorgere del sole, che è sempre lo stesso, ma ogni giorno è diverso.
La pratica ripetuta porta stabilita, maturità e crescita.

La locuzione latina repetita iuvant, significa "le cose ripetute migliorano".

Yoga è tutto questo ma è anche molto altro, è impossibile darne una definizione completa, perché lo Yoga non "é", ma piuttosto "avviene": lo Yoga è attesa e preparazione di un accadimento (l'unione).

L'associazione culturale Joytinat e l'istituto Joytinat diffondono un tipo di Yoga che mette insieme tutte le 5 "vie" dello Yoga che abbiamo descritto, e crea così un metodo armonioso che sviluppa tutte le facoltà dell'individuo e lo aiuta a prepararsi più efficacemente per ricevere "l'accadimento" dello Yoga.

Nel nostro centro si cresce insieme, praticando Panchanga Yoga secondo la tradizione indiana, applicando il metodo "Grukula":
Gli studenti principianti ed avanzati e discepoli imparano insieme e condividono la conoscenza uno con l’altro.

L’insegnamento dello Yoga alla scuola Joytinat

La scuola di formazione allo Yoga proposta da Swami Joytimayananda ha l’obiettivo di promuovere la conoscenza e la pratica dello Yoga in profondità, affondando le proprie radici nelle tradizioni e insegnamenti più antichi di tale sapere, la cui origine risale almeno a 5.000 anni fa e i cui principi fondanti rischiano di disperdersi nell’epoca del marketing, della commercializzazione e del consumo.

La conoscenza della tradizione originaria dello Yoga, è resa possibile grazie al Maestro Swami Joyitimayananda che, originario dello Sri Lanka, fin dalla sua infanzia, ha ricevuto gli insegnamenti degli antichi saggi direttamente dai suoi famigliari e parenti, li ha praticati in ogni fase della sua vita e ora li trasmette ai suoi allievi e collaboratori nella vita quotidiana dell’Ashram Joytinat, fondato nel 2003 a Corinaldo (An).

Prendere parte alla scuola Yoga Joytinat consente di comprendere che lo yoga è una disciplina per la vita quotidiana, non una professione, una disciplina fortemente connessa a una crescita spirituale, il cui scopo ultimo è la purificazione del corpo e l’illuminazione della mente.

Il gruppo di allievi diviene una micro comunità che cresce insieme, condivide insegnamenti che possono accompagnarli dall’ignoranza del buio alla luce della verità, dalla pesantezza della sofferenza alla leggerezza della gioia, dai mutamenti continui della mente alla stabilità ed eternità della pace.

In questo senso, perde di valore l’acquisizione di un diploma (comunque rilasciato) e il riconoscimento della proposta formativa da parte di enti internazionali e assume massima importanza la condivisione di un cammino di crescita e di condivisione della pratica.

Un cammino senza tempo, ma una formazione minima di almeno 5 anni (al termine dei quali si rilascia un diploma di qualifica) che può continuare coltivando l’amicizia, l’affetto e la devozione verso la comunità - Ashram, che Swami Joythimayananda ha fondato e che ogni anno si nutre di nuovi incontri e collaborazioni.

Lo yoga, nella sua originaria forma e negli insegnamenti dell’Ashram Joytinat, non è uno strumento di lavoro, è uno strumento di crescita personale e spirituale. Gli allievi possono sviluppare qualità personali come: il senso di pienezza, completezza e soddisfazione in ogni azione della vita quotidiana, l’amore e la devozione verso se stessi, verso gli altri e verso il mondo, il saper ascoltare e comprendere nel profondo le esigenze dei propri allievi per adattare di conseguenza l’insegnamento dello yoga, il saper essere d’esempio, esprimendo e trasmettendo energia, forza, distacco, coraggio, il saper essere sempre disponibili sapendo vivere la vita come un lavoro e il proprio lavoro come la vita.

Il Panchanga Yoga

Lo yoga nella sua originaria tradizione è composto da (ed è reso possibile dalla pratica di) 5 branche, o vie, dello yoga.

In tal senso, la proposta della scuola Joytinat è descritta come Panchanga Yoga (“le 5 branche dello Yoga”) e può accompagnare chi lo pratica ben al di là di ciò che comunemente l’Occidente identifica con lo yoga.

Lo yoga è infatti uno stile di vita, non identificabile esclusivamente con la pratica delle Asana, quindi dell’Hata Yoga.

L’Hata Yoga rappresenta la prima delle 5 vie: consente il controllo del corpo (attraverso la pratica di Asana e banda), del respiro (attraverso i Pranayama), dell’energia (con i mudra)

La seconda branca è il Backty Yoga, ovvero lo yoga della devozione verso il mondo e verso Dio, che consente di raggiungere un controllo delle emozioni, trascendendo dalle emozioni più negative che influiscono direttamente sulla salute del corpo, verso i sentimenti più supremi, della devozione e della compassione. Per favorire lo sviluppo di un sentimento devozionale, la scuola Joytinat offre l’opportunità di cantare i mantra, antichi suoni e canti in sanscrito le cui vibrazioni depositano il seme (bija) del divino che ognuno può poi coltivare e far crescere dentro di sé.

La terza via è quella dello Gnana Yoga, lo Yoga della conoscenza, che lavora con l’ego e con l’intelletto per portarli alla comprensione della saggezza, quindi aprire la via al distacco e alla liberazione da aspettative e attaccamenti prodotti dall’ego. In Ashram si condivide lo studio di antichi testi vedici i cui insegnamenti avvicinano alla comprensione alla saggezza.

La quarta via è il Raja Yoga che consente, attraverso l’insegnamento della pratica della meditazione, il controllo della mente, dell’ego e dei pensieri, permettendo alla coscienza pura di emergere.

Infine, la quinta via che comprende tutte le precedenti è quella del Karma Yoga.

L’intera vita dell’Ashram è fondata sul Karma Yoga e chi vi partecipa, come visitatore, come collaboratore o come allievo della scuola, riceve continue opportunità di misurarsi con la pratica del servizio disinteressato, con l’azione che trova soddisfazione in se stessa, senza aspettative o attaccamenti rispetto al risultato, accumulando energia pura, divina, con la purificazione e liberazione dai risultati delle azioni passate (karma).

Conoscere Yoga per non conoscere Maya. – Swami Joythimayananda

PROGRAMMA GENERALE DEL CORSO

  • Filosofia dello Yoga.
  • Deontologia (Yama e Niyama).
  • L’individuo, il mondo e il concetto di Dio.
  • Anatomia e fisiologia Ayurvedica e Yogica.
  • Controllo della mente e meditazione (Prathiyahara, Dharana, Dhiyana).
  • Samadi e Moksha o libertà.
  • Asana, Pranayama, Bandha, Mudra, Kriya.
  • Recitare e cantare i mantra.
  • Devozione, compassione e non violenza.
  • Storia dei devoti.
  • Ritualità, Pooja, Yaknya.
  • Autoanalisi e unione.
  • Separazione e unione.
  • Attaccamento e distacco.
  • Aspettativa e accettazione.
  • Relazione e comprensione.
  • Studio dei testi tradizionali (Yoga Sutra, Upanishad, Bagavatgita, Yoga Pradipikai, Shiva Samhita, Grandah samhita).
  • Servizio o Seva (Karma Yoga).
  • Normative fiscali, giuridiche e assicurative.
  • Igiene e uso del prodotti.
  • Alimentazione ayurvedica.
  • Psicologia yogica.
  • Approccio spirituale e cultura indiana.
  • Yoga Terapia.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

1. INTRODUZIONE ALLO YOGA

1.1. Educare alla vita 1° livello

1.2. L’esistenza (Padartha Vignan): unità e diversità

1.3. Dravya, Guna, Karma;

1.4. Le tre esistenze basilari;

1.5. Le nove esistenze di un individuo;

1.6. nascita, vita, morte, bene e male 1° livello

1.7. Lo scopo della vita

1.8. Le quattro Purushastra: ARAM, PORUL, AANANDAM E VEEDU

1.9. Preparazione nel padroneggiare il corpo, respiro, la mente e l’anima.

2. HATHA YOGA

2.1. Educare alla vita 2° livello

2.2 Filosofia, principi e pratiche del Hatha Yoga: studio e pratiche del Siva Samhitha, Grahnda Samhitha, Hatha Yoga Pradeepika, racconti dei Santi, Saggi, Maestri, Yoghi, Rishi e Profeti;

2.3. Le tre tipologia basilari del corpo: causale, sottile e strutturale;

2.4. I Panchakosha ( tipologia del corpo)

2.5. Nascita, vita, morte, bene e male 2° livello

2.6. Vita salute e malattia

2.7. Lo scopo dell’ Hatha Yoga come applicare Hatha Yoga nella vita quotidiana?

2.8. Le pratiche: Asana, Pranayama, Bhanda, Mudra e Kriya

2.9. Anatomia e fisiologia del corpo umano

2.10. La pratica dell’ Hatha Yoga e il meccanismo dell'energia, dei sistemi, degli organi, muscoli e articolazioni;

3. RAJA YOGA

3.1. Educare alla vita 3° livello

3.2. Significato della parola Dhyanam

3.3. Principi e pratiche di meditazione:

3.4. Studio e pratiche del testi antichi Patanjali Yoga Sutra e racconti dei Santi, Saggi, Maestri, Yoghi, Rishi e Profeti;

3.5. Astanga Yoga di Patanjali: Yama, Niyama, Asana, Pranayama, Prathyahara, Dharana, Dhiyana e Samadhi;

3.6. Come applicare Raja Yoga nella vita quotidiana

3.7. Diversi approcci e tecniche per praticare la meditazione

3.8. Nascita, vita, morte, bene e male 3° livello

3.9 Controllo della mente

4. BHAKTHI YOGA

4.1. Educare alla vita 4° livello

4.2. Significato della parola Bhakthi

4.3. Principi e pratiche del Bhakthi:

4.4. Studio e pratiche dei testi antichi devozionali, Thevaram,Thiruvasaham e Mantra;

4.5. Devozione, purezza, tenerezza, fiducia, fede, amore, affetto, compassione e non violenza;

4.6. Come applicare Bhakthi Yoga nella vita quotidiana;

4.7. Vari approcci e tecniche per praticare la devozione: Pooja, Yakgna;

4.8. Canto del mantra devozionale in Tamil, Sanskrito ed italiano;

4.9. Storie di Devoti Santi, Saggi, Maestri, Yoghi, Rishi e Profeti di varie tradizioni;

5. GNANA YOGA

5.1 Educare alla vita 5° livello

5.2 Autoanalisi (Atma Viciar), il distacco (Vairaghia);

5.3. Comprendere il concetto di Nithiya e Anithiya, Yoga e Maya

5.4. Studio e pratica dei testi antichi Upanishad e racconti dei maestri spirituali;

5.5. Vivere con chiarezza e leggerezza.

5.6. Nascita, vita e morte 4° livello

6. KARMA YOGA

6.1. Educare alla vita 6° livello

6.2. La vita e l’azione (Kariya), cause e effetto (Karana e Kariya)

6.3. Azioni in non azioni e non azioni in azioni o servizio non egocentrico;

6.6. Studio e pratica dei testi antichi Bagawat Gita e racconti dei maestri spirituali;

6.7. Agire senza aspettative ed attaccamento (Niskamia Karma)

6.8. Stile di vita Yogico

6.9. Nascita, vita e morte 5° livello.

DESCRIZIONE DEL CORSO

L’obiettivo del corso è la formazione di individui che seguano principi morali ed energetici per il risveglio e la sensibilizzazione verso uno stile di vita sano e buono; pratichiamo e comprendiamo con creatività interiore, con pienezza e distacco; Lavoriamo insieme nel corpo, energia, emozioni, intelletto e anima.

STRUTTURA DEL CORSO

Il tempo della formazione di Yoga è indeterminato; lezioni in aula, pratica, auto studio e possibilità di un tirocinio residenziale in Ashram per un tempo da concordare. Le giornate di corso effettive presso la scuola sono 16 e si dividono in 5 incontri per ogni anno,

OBBLIGHI DI FREQUENZA

La frequenza alle lezioni è obbligatoria e non sarà ammessa una percentuale di assenze superiore al 20% del monte ore globale.

ESAMI E TESI

Alla fine di ogni anno è previsto un esame conclusivo obbligatorio (scritto, orale e pratico) con presentazione di una tesi concordata con i docenti.

ATTESTATO FINALE

Al termine del primo, secondo, terzo, e quarto anno la Scuola Joytinat rilascia un attestato di partecipazione e solamente al 5° anno di studio la scuola rilascia un riconoscimento di qualifica.

CRESCITA E QUALIFICHE

Praticare Yoga non è una scelta, è un dovere da seguire con molta devozione.

Prima di poter insegnare, dovresti ottenere delle qualifiche di virtù e dedicare la vita allo Yoga.

Controllare le emozioni e i pensieri è fondamentale per praticare yoga.

Si deve conoscere il codice etico (Dharma) della vita e rispettare le regole; avere una buona conoscenza che riguardano: moralità, asana, pranayama e meditazione per riuscire a padroneggiare se stessi nell’Hatha yoga.

I principi dello Yoga riguardano i cinque aspetti: corpo, mente, emozioni o ego, pensieri o intelletto e la vita.

Il Centro Joytinat propone il metodo Panchanga Yoga approfondendo ogni anno vari aspetti dello yoga, imparando a praticarlo integrando i 5 principi dello yoga. Lo yoga non si limita ad insegnare delle tecniche, esso è una guida sicura ad affrontare la vita e il mondo materiale e l'aldilà. Nel nostro Ashram Joytinat si cresce insieme praticando Panchanga Yoga secondo la tradizione indiana.

Attualmente lo yoga più conosciuto e insegnato in Occidente è l’HATHA YOGA cioè quello yoga che si cura principalmente del corpo, avvalendosi di particolari posizioni corporee ed esercizi di controllo del respiro. L’hatha-yoga, sebbene in Occidente si tenda a identificarlo con lo yoga, è in verità soltanto una delle possibili vie che lo yoga, come filosofia e visione del mondo, propone all’uomo per una realizzazione superiore. Un aspetto molto importante è che le molteplici vie dello yoga non devono essere intese come strade divergenti, esse non si escludono a vicenda, ma si integrano l’una con l’altra.

Perciò quando decidiamo di dedicarci allo yoga non dovremmo seguire solo una via, bensì unire i vari percorsi per affrontare un cammino di crescita interiore più profondo, stabile e completo non indirizzato solamente a un risultato fisico, ma a una realizzazione globale di corpo, mente, anima e spirito.

La giornata del'Ashram comincia sempre con la stessa pratica di Yoga.
Così come il ripetersi del sorgere del sole, che è sempre lo stesso, ma ogni giorno è diverso.
La pratica ripetuta porta stabilita, maturità e crescita.

La locuzione latina repetita iuvant, significa "le cose ripetute migliorano".

Yoga è tutto questo ma è anche molto altro, è impossibile darne una definizione completa, perché lo Yoga non "é", ma piuttosto "avviene": lo Yoga è attesa e preparazione di un accadimento (l'unione).

L'associazione culturale Joytinat e l'istituto Joytinat diffondono un tipo di Yoga che mette insieme tutte le 5 "vie" dello Yoga che abbiamo descritto, e crea così un metodo armonioso che sviluppa tutte le facoltà dell'individuo e lo aiuta a prepararsi più efficacemente per ricevere "l'accadimento" dello Yoga.

Nel nostro centro si cresce insieme, praticando Panchanga Yoga secondo la tradizione indiana, applicando il metodo "Grukula":
Gli studenti principianti ed avanzati e discepoli imparano insieme e condividono la conoscenza uno con l’altro.

L’insegnamento dello Yoga alla scuola Joytinat

La scuola di formazione allo Yoga proposta da Swami Joytimayananda ha l’obiettivo di promuovere la conoscenza e la pratica dello Yoga in profondità, affondando le proprie radici nelle tradizioni e insegnamenti più antichi di tale sapere, la cui origine risale almeno a 5.000 anni fa e i cui principi fondanti rischiano di disperdersi nell’epoca del marketing, della commercializzazione e del consumo.

La conoscenza della tradizione originaria dello Yoga, è resa possibile grazie al Maestro Swami Joyitimayananda che, originario dello Sri Lanka, fin dalla sua infanzia, ha ricevuto gli insegnamenti degli antichi saggi direttamente dai suoi famigliari e parenti, li ha praticati in ogni fase della sua vita e ora li trasmette ai suoi allievi e collaboratori nella vita quotidiana dell’Ashram Joytinat, fondato nel 2003 a Corinaldo (An).

Prendere parte alla scuola Yoga Joytinat consente di comprendere che lo yoga è una disciplina per la vita quotidiana, non una professione, una disciplina fortemente connessa a una crescita spirituale, il cui scopo ultimo è la purificazione del corpo e l’illuminazione della mente.

Il gruppo di allievi diviene una micro comunità che cresce insieme, condivide insegnamenti che possono accompagnarli dall’ignoranza del buio alla luce della verità, dalla pesantezza della sofferenza alla leggerezza della gioia, dai mutamenti continui della mente alla stabilità ed eternità della pace.

In questo senso, perde di valore l’acquisizione di un diploma (comunque rilasciato) e il riconoscimento della proposta formativa da parte di enti internazionali e assume massima importanza la condivisione di un cammino di crescita e di condivisione della pratica.

Un cammino senza tempo, ma una formazione minima di almeno 5 anni (al termine dei quali si rilascia un diploma di qualifica) che può continuare coltivando l’amicizia, l’affetto e la devozione verso la comunità - Ashram, che Swami Joythimayananda ha fondato e che ogni anno si nutre di nuovi incontri e collaborazioni.

Lo yoga, nella sua originaria forma e negli insegnamenti dell’Ashram Joytinat, non è uno strumento di lavoro, è uno strumento di crescita personale e spirituale. Gli allievi possono sviluppare qualità personali come: il senso di pienezza, completezza e soddisfazione in ogni azione della vita quotidiana, l’amore e la devozione verso se stessi, verso gli altri e verso il mondo, il saper ascoltare e comprendere nel profondo le esigenze dei propri allievi per adattare di conseguenza l’insegnamento dello yoga, il saper essere d’esempio, esprimendo e trasmettendo energia, forza, distacco, coraggio, il saper essere sempre disponibili sapendo vivere la vita come un lavoro e il proprio lavoro come la vita.

Il Panchanga Yoga

Lo yoga nella sua originaria tradizione è composto da (ed è reso possibile dalla pratica di) 5 branche, o vie, dello yoga.

In tal senso, la proposta della scuola Joytinat è descritta come Panchanga Yoga (“le 5 branche dello Yoga”) e può accompagnare chi lo pratica ben al di là di ciò che comunemente l’Occidente identifica con lo yoga.

Lo yoga è infatti uno stile di vita, non identificabile esclusivamente con la pratica delle Asana, quindi dell’Hata Yoga.

L’Hata Yoga rappresenta la prima delle 5 vie: consente il controllo del corpo (attraverso la pratica di Asana e banda), del respiro (attraverso i Pranayama), dell’energia (con i mudra)

La seconda branca è il Backty Yoga, ovvero lo yoga della devozione verso il mondo e verso Dio, che consente di raggiungere un controllo delle emozioni, trascendendo dalle emozioni più negative che influiscono direttamente sulla salute del corpo, verso i sentimenti più supremi, della devozione e della compassione. Per favorire lo sviluppo di un sentimento devozionale, la scuola Joytinat offre l’opportunità di cantare i mantra, antichi suoni e canti in sanscrito le cui vibrazioni depositano il seme (bija) del divino che ognuno può poi coltivare e far crescere dentro di sé.

La terza via è quella dello Gnana Yoga, lo Yoga della conoscenza, che lavora con l’ego e con l’intelletto per portarli alla comprensione della saggezza, quindi aprire la via al distacco e alla liberazione da aspettative e attaccamenti prodotti dall’ego. In Ashram si condivide lo studio di antichi testi vedici i cui insegnamenti avvicinano alla comprensione alla saggezza.

La quarta via è il Raja Yoga che consente, attraverso l’insegnamento della pratica della meditazione, il controllo della mente, dell’ego e dei pensieri, permettendo alla coscienza pura di emergere.

Infine, la quinta via che comprende tutte le precedenti è quella del Karma Yoga.

L’intera vita dell’Ashram è fondata sul Karma Yoga e chi vi partecipa, come visitatore, come collaboratore o come allievo della scuola, riceve continue opportunità di misurarsi con la pratica del servizio disinteressato, con l’azione che trova soddisfazione in se stessa, senza aspettative o attaccamenti rispetto al risultato, accumulando energia pura, divina, con la purificazione e liberazione dai risultati delle azioni passate (karma).

Conoscere Yoga per non conoscere Maya. – Swami Joythimayananda