Ashram Joytinat - Home Ashram Joytinat - Home
 

Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista Yoga Journal Italia, per la rubrica di Swami Joythimayananda dal titolo Laboratorio di Ayurveda.

Il fegato, situato nella cavità addominale, sotto il diaframma, è l’organo più grande del corpo umano (pesa circa 3 kg e ha una dimensione di circa tre pugni). In sanscrito viene chiamato Yakrit e grazie alla sua capacità di rigenerarsi da solo, in Ayurveda rappresenta l’elemento Terra. Questa grande ghiandola, composta prevalentemente di tessuti sanguigni (Rakta Dhatu), è un vero e proprio laboratorio alchemico in grado di trasformare il cibo in energia: converte lo zucchero in eccesso (glucosio) in glicogeno per permettere al corpo di assimilarlo (per poi riconvertirlo nuovamente in glucosio ogni volta che l’organismo ne ha bisogno), e quando il “magazzino” di glicogeno è pieno converte il glucosio in grasso.

Il fegato ha un ruolo importante anche nella digestione: regola il metabolismo e produce diverse secrezioni che trasportano la bile all’intestino per favorire l’assimilazione delle sostanze nutrienti da parte del corpo attraverso il sistema circolatorio. Ma le funzioni di quest’organo sono varie e complesse: filtra le sostanze nocive e demolisce le tossine, è responsabile del colore del sangue e della qualità del nutrimento portato ai tessuti. Per questo, il lavoro del fegato si riflette nello stato psicofisico globale: determina la vitalità (Prana), la luminosità (Tejas), la forza (Ojas), la felicità (Ananda) e la longevità (Kayakalpa) della persona.

Il sapiente in Ayurveda riesce a valutare lo stato di salute del fegato e la sua capacità di trasformare l’energia dei cinque elementi con un tocco profondo del dito medio sul polso destro del paziente (equivalente di una moderna analisi delle transaminasi, enzimi di cui le cellule del fegato sono molto ricche).

La madre terra converte il seme in una bella pianta, in fiori e frutti, allo stesso modo il fegato converte il cibo in coscienza, energia vitale, pensieri, emozioni, sensazioni e corpo fisico.

Quando il fegato soffre

Il fegato subisce prevalentemente problemi di Pita Dosha, di cui è una delle sedi più importanti (chiamata Ranjaka Pita). Quando il Ranjaka Pita perde il suo equilibrio, il sangue diventa tossico e prova a espellere tossine attraverso la pelle, da qui nascono disturbi quali acne, ulcere di pelle, prurito, psoriasi, orticaria… Secondo l’Ayurveda, il fegato è responsabile anche delle malattie del metabolismo e del sangue, come epatiti, ittero e cirrosi.

La principale causa di sofferenza epatica è la cattiva alimentazione, dovuta soprattutto all’assunzione in eccesso di cibi fritti, grassi animali, formaggi, cibi industriali, additivi, coloranti, zucchero e sale, ma anche al consumo di alcool, sigarette e bevande gassate. Anche lo stile di vita ha una potente influenza su quest’organo: stress, fatica, arrabbiature, tensioni, gelosia, odio, ansia, vittimismo, eccesso di desideri e di polemiche lo affaticano.

Il cibo non digerito, così come un’indigestione emozionale o intellettuale, crea un deposito non assimilato che appesantisce ulteriormente il fegato. Secondo l’Ayurveda è fondamentale dunque sottoporsi periodicamente al trattamento di purificazione profonda chiamato Panchakarma.

Le tre regole per avere (buon) fegato

Mangiare bene

È possibile stabilizzare la salute del fegato mantenendo Pita Dosha in equilibrio. A questo fine è ideale seguire una dieta che preveda l’assunzione di cibi rinfrescanti caratterizzati dal gusto dolce, amaro e astringente. In questa direzione, sono particolarmente adatti: frutta dolce, riso, latte, burro medicato (ghee gruta), cereali e verdura.

Riposare

È consigliabile andare a letto prima delle 22, poiché il fegato deve riposare e smaltire le tossine in accumulo. Stare svegli fino a tardi può rallentare sensibilmente il metabolismo e contribuire all’aumento di peso corporeo e delle emozioni negative.

Praticare yoga

La pratica al mattino presto di Yogasana (in particolare il Saluto al Sole) e di Pranayama, e una meditazione regolare (mattina e sera) favoriscono la salute e la felicità del fegato.

Swami Joythimayananda

06

Il Maestro Swami Joythimayananda, Acharya (Maestro di Yoga) e Vaidya (Sapiente Ayurvedico)

Calendario dei corsi

Il calendario di corsi, appuntamenti e iniziative dell'Ashram: consultalo spesso e scopri le novità.

Foto Gallery

Le nostre gallerie fotografiche: la vita in Ashram, i convegni, le manifestazioni, le persone...

Shop

I nostri prodotti ayurvedici, naturali e preparati secondo tradizione, comodamente a casa tua