Ashram Joytinat - Home Ashram Joytinat - Home
 

Introduzione

Pratica-principi-filosofia: prima di iniziare una pratica, è meglio conoscere i suoi principi, poi la filosofia che sta alla loro base. Inoltre bisogna comprendere chiaramente “perché-come-cosa”.

Lo Yoga è una disciplina basata sull’autocontrollo; il potere dello Yoga è mistico più che scientifico.

Il mondo moderno cerca di spiegare lo Yoga esclusivamente in modo scientifico, ma in verità lo Yoga è molto personale e mistico, anche se la spiegazione scientifica porta il suo valore.

Nell’antichità l’Hatha Yoga è stato praticato in modo mistico con uno scopo spirituale, e cioè di liberare il Karma e realizzare la libertà assoluta. Le sue tecniche venivano considerate sacre e segrete, la loro conoscenza si trasmetteva solo da maestro a discepolo (Pramparava).

Poi, nel tempo, lo scopo di questa disciplina si è trasformato al fine di mantenere una buona qualità di vita, salute, tranquillità e armonia.

Ora, nel mondo moderno, lo Yoga si sta trasformando in un’attività commerciale e atletica. Comunque lo Yoga continua a custodire il suo spirito. Lo Yoga si è diffuso in tutto il mondo e ogni popolo lo modifica secondo la propria esigenza e desiderio.

Anche in India, ashram e scuole di Yoga sono molto frequentate da persone occidentali, per imparare Yogasana e Pranayama a scopo professionale. Le scuole indiane, infatti, si sono adattate a soddisfare queste richieste. Alcune di esse vengono gestite da manager occidentali e formano insegnanti yoga in tutto il mondo.

In passato, gli allievi si recavano dal maestro per imparare lo Yoga con scopo spirituale, ora la situazione sta cambiando: sono i maestri a cercare gli allievi attraverso pubblicità, pubblicazioni, conferenze…

Esistono diverse Sadana (pratiche spirituali), tra esse la pratica dell’Hatha Yoga è la più conosciuta.

La scuola Joytinat insegna il Panchanga Yoga, che comprende tecniche che coinvolgono l’essere umano nella sua interezza: corpo, mente (emozioni e pensieri), intelletto, energia e anima.

La scuola Joytinat si basa sui principi dell’Hatha Yoga (Asana – controllo delle posture, Pranayama – controllo del respiro, Banda – controllo degli organi, Mudra – controllo dell’energia e Kriya – purificazione di corpo, mente, intelletto, energia e anima) e ha creato varie Viuham (sequenze), da praticare nella vita quotidiana.

Il Panchanga Yoga comprende cinque percorsi spirituali:

  • Hatha Yoga: equilibrare il corpo strutturale e funzionale;
  • Raja Yoga: annullare la mente e suo funzionamento;
  • Bhakthi Yoga: trasformare le emozioni verso compassione e devozione;
  • Gnana Yoga: comprendere chiaramente l’esistenza, la vita, il concetto di io, il mondo e Dio;
  • Karma Yoga: praticare la ricerca interiore attraverso l’azione e il servizio.

Il Panchanga Yoga insegnato nell’Ashram Joytinat segue gli insegnamenti del maestro Swami Joythimayananda, che ha individuato cinque concetti principali: Asana, Pranayama, Diyana, Kundalini, Chakra.

Kundalini

Il Risveglio della Kundalini è una pratica spirituale e mistica.

Al momento del concepimento, la nostra energia karmica od originale rimane nascosta nel Muladhara Chakra nella cavità pelvica. Questa energia viene chiamata “il potere della Kundalini”, che, rimasto in uno stato di inerzia, lascia fluire la vita. Il potere della Kundalini rappresenta il proprio Karma. L’anima individuale porta avanti la propria vita verso Maya o illusione secondo il suo Karma. Nella ciclicità della vita questa Karma rappresenta un fiume che scorre lungo il suo corso continuamente.

Come una freccia che, liberata dall’arco, lancia il suo scopo, così il compito (Dharma) dell’anima individuale è abolire il Karma attraverso il distacco, cioè risvegliare la Kundalini per dirigere il Karma in una direzione spirituale o elevata, distaccandosi dal flusso normale. La rinuncia e il distacco portano la leggerezza nel nostro intimo e allontanano tutte le manifestazioni (Maya); in questo modo l’anima sperimenta la sua vera essenza nella coscienza pura.

La pratica (Sadana) “dall’Aswini Mudra allo Yoga Mudra” può risvegliare l’energia Kundalini, che dà un potere supernaturale per sentirsi Divini. Aswini Mudra e Yoga Mudra sono parte dell’Hatha Yoga.

Hatha Yoga

L’Hatha Yoga abbraccia cinque discipline:

  • Asana: assumere una postura statica controllando arti del corpo e muscoli;
  • Pranayama: controllo del respiro con consapevolezza;
  • Bhanda: controllo degli organi;
  • Mudra: concentrazione di tutta l’energia del corpo e della mente in un solo punto;
  • Kriya: purificazione di corpo, mente e anima.

Asana

Asana = postura controllata del corpo che porta ad assumere varie posizioni in modo comodo e senza sforzo violento.

Le asana sono innumerevoli e devono essere praticate con la coscienza elevata; la concentrazione, il controllo e la staticità sono aspetti fondamentali per la pratica delle Asana. Le Asana consistono in allungamenti in avanti, indietro e lateralmente, torsioni, pressioni e anche posture capovolte e di equilibrio.

Esistono Asana efficaci per equilibrare il funzionamento del corpo e della mente: si possono utilizzare per calmare o stimolare e molte vengono utilizzate anche con finalità terapeutiche.

Il concetto più importante è praticare Asana con uno scopo mistico.

Pranayama

Prana significa “energia vitale”, essa è fondamentale per vivere.

L’azione di dominare saggiamente questa energia vitale è chiamata Pranayama.

Il Pranayama deve essere svolto in un’Asana. La pratica prevede il controllo e la canalizzazione del respiro, che avviene attraverso dieci tipi di tecnica, che si applicano nelle cinque cavità, di volta in volta appropriate.

Come eseguire un Pranayama

Esistono quattro gradi di respiro controllato:

  1. Rechaka, l’inspirazione profonda e completa (per es. 10 secondi);
  2. Puraka, l’espirazione lenta e lunga, che dura almeno il doppio dell’inspirazione (es. 20 secondi);
  3. Kumbaka, apnea, in due modalità: polmoni pieni (Purna Kumbaka), polmoni vuoti (Sunya Kumbaka);
  4. Murchaka, sospensione, arresto del respiro, che può avvenire a polmoni pieni o vuoti.

Nota: le tecniche “dall’Aswini Mudra allo Yoga Mudra”, Agnisara, Brahmashuddhi, Ganda shuddhi e Kapala Shuddhi Pranayama sono ideate dal Maestro Swami Joythimayananda della Scuola Joytinat.

Agnisara

Agnisara è un Pranayama eseguito in un’Asana, introdotto dalla Scuola Joytinat del Maestro Swami Joythimayananda. Questa pratica stimola gli organi e i muscoli della cavità pelvica, in particolare Svadhisthana e Muladhara Chakra, inoltre inizia a risvegliare l’energia Kundalini.

Alcuni interpretano Nauli Kriya come Agnisara, ma non è corretto: Nauli Kriya deve essere fatto a polmoni vuoti (Sunya Kumbaka) e può essere eseguito con 15/20 soffi al minuto, mentre Agnisara viene eseguito con una velocità di 120 soffi al minuto, mantenendo una respirazione veloce espirando con forza lasciando accadere l’inspirazione automaticamente senza nessuno sforzo.

Agnisara viene spesso confusa anche con Kapalabati, in Agnisara, tuttavia, durante l’espirazione l’addome è portato verso la colonna vertebrale, mentre in Kapalabati durante l’espirazione l’addome è portato verso l’esterno.

Come eseguire Agnisara

Assumere un’asana; durante la postura, porre la concentrazione sulla cavità pelvica, dando attenzione sull’espirazione; respirare velocemente soffiando attraverso le narici con forza, compiendo circa 120 soffi al minuto.

Mentre si espira con forza, praticare la contrazione, tirando gli organi della cavità addominale e pelvica verso la spina dorsale. I muscoli della cavità pelvica, in particolare il perineo, gli organi genitali, il retto e i glutei vengono contratti. Inspirando rilassare ed espirando contrarre nuovamente; continuare per almeno un minuto o anche più. Agnisara può essere svolto in qualunque postura.

Mudra

La pratica dei Mudra consiste nel concentrare tutta l’energia di corpo e mente in un punto, come la freccia in un arco tirato che contiene un enorme potenziale silenzioso. Nello Yoga ci sono cinque Mudra: Brahma Mudra, Gnana Mudra, Sambavi Mudra, Yoga Mudra e Aswini Mudra.

Aswini Mudra

Aswini Mudra è una pratica dello Yoga Sadana (pratica spirituale), uno strumento valido e intenso, riservato solo ad aspiranti (Sadakan) ben preparati e ad allievi avanzati nella pratica Yoga Sadana.

La pratica dell’Aswini Mudra deve essere cominciata assolutamente sotto la guida di un maestro o guida spirituale.

Questa pratica, infatti, fa accumulare tutta l’energia del corpo, della mente e dello spirito in un solo punto (come in un arco tirato), generando una forza enorme.

L’allievo deve avere uno scopo puro ben definito (come è chiaro il bersaglio della freccia) per canalizzare bene questa energia enorme verso l’alto e sentire il proprie sé in uno stato supremo.

Il praticante potrà raggiungere lo scopo dopo un periodo di sei mesi, 180 giorni, la pratica deve essere costante e regolare e svolgersi ogni giorno allo stesso orario aumentando gradualmente l’intensità della pratica. Il risultato finale dipende dell’aspirante, dalla sua qualità e intensità di volontà e di pratica.

Come eseguire Aswini Mudra

Assumere un’asana; durante il mantenimento della postura contrarre e rilassare continuamente varie volte i muscoli e gli organi della cavità pelvica. Mantenere la respirazione normale e concentrare tutta l’attenzione sulle contrazioni dei muscoli del retto, perineo, glutei e tutti i muscoli e gli organi sessuali o procreativi. Mantenere più a lungo possibile senza sforzo, poi rilassare tutti i muscoli e gli organi.

Yoga Mudra

Lo Yoga Mudra comprende Asana + Pranayama (Sunya Kumbaka = apnea a polmoni vuoti) + Bhanda + Mudra. Quando abbiamo trasceso l’energia Kundalini in Sahasrara, avviene un annullamento della mente e del respiro che vengono messi in sospensione cosicché l’anima assuma uno stato supremo di pura coscienza.

Come eseguire Yoga Mudra

Assumere la posizione di Padmasana (posizione del Loto), spingere con le mani i talloni verso l’addome, tenendo gli occhi chiusi; espirando, abbassare il corpo avanti e portare la fronte a terra.

Mantenere l’asana con polmoni vuoti (Sunya Kumbaka) e sperimentare l’esperienza della coscienza pura.

Dall'Aswini Mudra allo Yoga Mudra

Una tecnica di risveglio dell’energia divina, potenziale o sovrannaturale (l’energia Kundalini).

Il Maestro Swami Joythimayananda ha programmato questa sequenza chiamandola “Dall’Aswini Mudra allo Yoga Mudra”: essa contiene nove Yogasana classiche più Agnisara, Aswini Mudra e Yoga Mudra.

Si inizia con un’Asana, si svolge Agnisara durante la pratica delle Asana e nel riposo si pratica Aswini Mudra.

La pratica di Aswini Mudra si applica nelle seguenti Asana:

1- Bhujangasana
2- Salabasana
3- Dhanurasana
4- Patchimotasana
5- Halasana
6- Sarvangasana
7- Matsiyasana
8- Sirsasana
9- Yoga Mudra

Bhujangasana e Salabasana coinvolgono la cavità pelvica; Dhanurasana e Patchimotasana coinvolgono la cavità addominale; Halasana e Sarvangasana coinvolgono la cavità toracica; Matsiyasana e Sarvangasana coinvolgono la cavità della gola; Sirasasana coinvolge la cavità cranica; Yoga Mudra favorisce uno stato elevato dell’anima.

Si inizia con Bhujangasana, che stimola la cavità pelvica, poi, praticando in sequenza tutte le altre Asana so giunge fino a lavorare sulla cavità cranica con Sirsasana, concentrando la canalizzazione dell’energia dal Muladhara Chakra verso Ajna Chakra e immaginando il flusso dell’energia come vapore o fumo bianco caldo, che sale verso l’alto attraversando tutti i Chakra.

Attraverso questa pratica viene stimolata l’energia del funzionamento fisiologico (i subdosha).

  • Cavità pelvica: viene stimolato il subdosha Apana Vata.
  • Cavità addominale: vengono stimolati i subdosha Samana Vata, Viyana Vata, Pachaka Pita e Kledaka Kapa.
  • Cavità toracica: vengono stimolati i subdosha Prana Vata, Avalambaka Kapa, Ranjaka Pita e Viyana Vata.
  • Cavità della gola: vengono stimolati i subdosha Udana Vata e Bhojaka Kapa.
  • Cavità cranica: vengono stimolati i subdosha Prana Vata, Sadaka Pita, Tarpaka Kapa, Alochaka Pita e Slehma Kapa.

Dare un’attenzione piena a tutto il corpo, mentre si assumono Bhujangasana, Salabasana e Dhanurasana, asana in cui si sente una maggiore tensione; progressivamente questa tensione diminuisce nelle posture Patchimotasana, Halasana, Sarvangasana e Matsiyasana, in cui si percepisce il corpo più rilassato; quando si pratica Sirasasana si sperimenta una minima tensione esclusivamente sulla testa, accompagnata tuttavia dalla massima concentrazione del flusso dell’energia lungo Shusumuna Nadi, come se il corpo fosse un arco tirato.

Nello Yoga Mudra si deve essere al di fuori della sensazione del corpo e della mente.

All’inizio della Sadana introdurre Agnisara Pranayama in ogni postura, senza sentire stanchezza. Poi praticare Aswini Mudra invece di Agnisara. Durante la pratica dell’Aswini Mudra bisogna allungare il tempo della Sadana ogni giorno.

  • Praticando Aswini Mudra immaginarsi come una freccia in un arco, cominciare a percepire di tirare la freccia da Muladhara al Swadistana Chakra;
  • nella cavità addominale tirare la freccia fino a Manipura Chakra;
  • nella cavità toracica, tirando l’arco, portare la freccia fino ad Anahata Chakra;
  • nella cavità della gola portare la freccia ancora più forte fino a Vishudhi Chakra;
  • nella cavità cranica la freccia arriva fino ad Ajna Chakra, e poi sparisce nel Sahasrara Chakra.

Alla fine della pratica liberare l’anima lanciando la freccia. Infine sciogliere la postura ed entrare nello Yoga Mudra.

Pratica

Per cavità pelvica
  • Assumere la 1° postura Bhujangasana (posizione del cobra).
  • Lasciare i polmoni respirare tranquillamente.
  • Praticare Agnisara continuamente per oltre 300 soffi, restringendo i muscoli della cavità pelvica (perineo, organi genitali e glutei) dando attenzione a Svadhisthana Chakra.
  • Dopo un minuto o più, sciogliere la posizione e riposare; durante il riposo praticare continuamente Aswini Mudra per un minuto o più, concentrandosi sempre su Svadhisthana Chakra: immaginare il flusso dell’energia mistica in forma di vapore o fumo caldo.
  • Riprendere la posizione e ripetere la sequenza.
  • Assumere la 2° postura Salabasana (posizione della cavalletta) e ripetere la sequenza come spiegato sopra.
Per cavità addominale
  • Assumere la 3° postura Dhanurasana (posizione dell’arco).
  • Lasciare i polmoni respirare tranquillamente
  • Praticare Agnisara continuamente per oltre 300 soffi, restringendo i muscoli della cavità pelvica (perineo, organi genitali e glutei) dando attenzione su Manipura Chakra.
  • Dopo un minuto o più, sciogliere la posizione e riposare, durante il riposo praticare continuamente Aswini Mudra per un minuto o più, concentrando sempre su Manipura Chakra: immaginare il flusso dell’energia mistica in forma di vapore o fumo caldo.
  • Riprendere la posizione e ripetere la sequenza.
  • Assumere la 4° postura Patchimotasana (la pinza) e ripetere la sequenza come spiegato sopra.
Per cavità toracica
  • Assumere la 5° postura Halasana (posizione dell’aratro).
  • Lasciare i polmoni respirare tranquillamente.
  • Praticare Agnisara continuamente per oltre 300 soffi, restringendo i muscoli della cavità pelvica (perineo, organi genitali e glutei) dando attenzione su Anahata Chakra.
  • Dopo un minuto o più, sciogliere la posizione e riposare, durante il riposo praticare continuamente Aswini Mudra per un minuto o più, concentrandosi sempre su Manipura Chakra: immaginare il flusso dell’energia mistica in forma di vapore o fumo caldo.
  • Riprendere la posizione e ripetere la sequenza.
  • Assumere la 6° postura Sarvangasana (candela) e ripetere la sequenza come spiegato sopra.
Per cavità della gola
  • Assumere la 7° postura Matsiasana (posizione del pesce).
  • Lasciare i polmoni respirare tranquillamente.
  • Praticare Agnisara continuamente per oltre 300 soffi, restringendo i muscoli della cavità pelvica (perineo, organi genitali e glutei) dando attenzione a Vishuddi Chakra.
  • Dopo un minuto o più, sciogliere la posizione e riposare; durante il riposo praticare continuamente Aswini Mudra per un minuto o più, concentrandosi sempre su Manipura Chakra: immaginare il flusso dell’energia mistica in forma vapore o fumo caldo.
  • Riprendere la posizione e ripetere la sequenza.
Per cavità cranica
  • Assumere la 8° postura Sirsasana (posizione capovolta).
  • Lasciare i polmoni respirare tranquillamente.
  • Praticare Agnisara continuamente per oltre 300 soffi, restringendo i muscoli della cavità pelvica (perineo, organi genitali e glutei) dando attenzione a Svadhisthana Chakra.
  • Dopo un minuto o più, sciogliere la posizione e riposare; durante il riposo praticare continuamente Aswini Mudra per un minuto o più, concentrandosi sempre su Manipura Chakra: immaginare il flusso dell’energia mistica in forma di vapore o fumo caldo.
  • Riprendere la posizione e ripetere la sequenza.
Yoga Mudra
  • Assumere la 9° postura Yoga Mudra.
  • Lasciare i polmoni respirare tranquillamente.
  • Praticare Agnisara continuamente per oltre 300 soffi, restringendo i muscoli della cavità pelvica (perineo, organi genitali e glutei) dando attenzione a Svadhisthana Chakra.
  • Dopo un minuto o più, sciogliere la posizione e riposare; durante il riposo praticare continuamente Aswini Mudra per un minuto o più, concentrandosi sempre su Manipura Chakra: immaginare il flusso dell’energia mistica in forma di vapore o fumo caldo.
  • Riprendere la posizione e ripetere la sequenza.

Assumere le asana con il controllo degli arti del corpo, dei muscoli, delle articolazioni, ecc.; applicare un’attenzione profonda in ogni parte del corpo; percepire allungamento o pressione o rilassamento, contrazione o flessione; canalizzare la respirazione adeguatamente; percepire il funzionamento dei subdosha in ogni cavità; immaginare l’energia che sale verso l’alto attraversando i Chakra.

Effetti

  • Meccanismo mistico: risveglia un’energia mistica o spirituale, favorendo anche attraverso l’immaginazione l’ascesa del flusso dell’energia lungo Sushumna Nadi nella colonna vertebrale; facilita il flusso del Brahma nel Shahasrara Chakra.
  • Meccanismo energetico: aumenta il calore; libera da tensione e rigidità; stimola i subdosha e gli organi.
  • Meccanismo mentale: favorisce la concentrazione su Muladhara Chakra in Bhujangasana e su Swadistana Chakra in Salabasana e, di volta in volta, sui Chakra di ogni cavità.
  • Meccanismo fisiologico: stimola attraverso i soffi della respirazione, creando contrazione, maggiore flusso del sangue, aumento di calore e liberando da tensioni e rigidità.

Perche risvegliare l’energia Kundalini?

Perché esiste.
Secondo uno scopo mistico, infatti, la natura dell’uomo è quella di ricercare e scoprire qualunque cosa esista.

Swami Joythimayananda

06

Il Maestro Swami Joythimayananda, Acharya (Maestro di Yoga) e Vaidya (Sapiente Ayurvedico)

Calendario dei corsi

Il calendario di corsi, appuntamenti e iniziative dell'Ashram: consultalo spesso e scopri le novità.

Foto Gallery

Le nostre gallerie fotografiche: la vita in Ashram, i convegni, le manifestazioni, le persone...

Shop

I nostri prodotti ayurvedici, naturali e preparati secondo tradizione, comodamente a casa tua